Rendi migliore lo spazio in cui vivi ogni giorno. I nostri trattamenti sono studiati per migliorare il benessere di ogni ambiente, facilitare la pulizia di mantenimento e recuperare le tue superfici. Tante soluzioni certificate per garantirti il massimo della protezione.

Gres porcellanato

Le piastrelle in gres porcellanato sono ottenute tramite il processo di sintetizzazione di un' "argilla liquida" (barbottina) a temperature di 1350°C in forni lunghi anche fino a 140 metri . Si procede quindi al raffreddamento fino a portare la piastrella a temperatura ambiente. Il gres porcellanato è un materiale a "tutto impasto" di eccezionale resistenza, che può essere posato sia all'interno che all'esterno, può presentare una superficie naturale, senza levigatura, o una superficie levigata dotata di una notevole lucentezza, o una superficie "satinata" o lappata caratterizzata da lucidatura parziale della superficie stessa. Esistono sostanziali differenze:

  • il gres porcellanato grezzo o satinato, è un materiale molto resistente alle macchie e non necessita quindi di particolari protezioni, ma solo di un'adeguata manutenzione;
  • il gres porcellanato levigato lucido ha un maggior assorbimento ed è soggetto a macchie che risultano di difficile asportazione, per cui è necessario prevedere un'adeguata protezione.
  •  

La porosità della piastrella nuova in gres si presenta con pori completamente liberi da impurità. Col passare del tempo, il poro si riempie fino ad essere completamente sporco. In questa situazione la piastrella diventa particolarmente scivolosa e non conforme al d.m. n° 236 del Ministero dei Lavori Pubblici del 14 giugno del 1989.
La molecola di detergente tradizionale non riesce a penetrare perfettamente nel poro, quindi solo con detergenti fortemente aggressivi si riesce a pulire 1/3 della sua profondità. Questo comporta lunghi tempi di pulizia, una ricontaminazione da sporco e un principio di alterazione del substrato della piastrella. Il trattamento più adeguato per questo tipo di materiale è, quindi, un tipo di detergente che sfruttando la nanotecnologia scompone la molecola di detergente facendo si che possa penetrare nella bocca del poro riuscendo così a sciogliere tutto lo sporco presente in tutte le sue cavità e portarlo all'esterno.

Tale tecnologia è anche ecologica perché permette di pulire con detergenti a base acquosa biodegradabili al 100%. Il pavimento rimane perfettamente pulito nel tempo e il poro si mantiene libero da tutte le impurità. Oltre alla perfetta pulizia del poro, ripristiniamo l'effetto antiscivolo del pavimento come da caratteristiche tecniche, e la superficie risulta sanificata. Con un unico passaggio si riesce ad ottenere pulizia e sanificazione.

Trattamento cotto

La caratteristica principale del cotto, data l'argilla impiegata, il tipo di finitura e la temperatura di cottura, è quella di avere un forte potere assorbente. Mediante la sua struttura ha una buona capacità di diffusione dell'aria e del vapore. 

Dopo la posa della pavimentazione, per trattare un materiale così particolare e diverso nelle sue molteplici forme, si devono innescare una serie di operazioni per pulire, proteggere e risaltare esteticamente la bellezza dell'impasto. Tali protezioni dovranno essere reversibili, dando la possibilità di rimuovere i trattamenti, se necessario. I vantaggi di un cotto protetto sono diversi: ad esempio, la facilità della manutenzione e il rallentamento del processo di deterioramento.

Antiscivolo

Il decreto legislativo 626/94 art. 33 prevede che "i pavimenti dei locali devono essere esenti da protuberanze, cavità o piani inclinati pericolosi, devono essere fissi, stabili e antisdrucciolevoli". 
Con il trattamento, il pericolo di scivolare, a confronto con i pavimenti antiscivolo, scende dal 300% fino all'800% in modo particolare sulle superfici bagnate, sia interne che esterne. Agisce a livello della struttura microscopica e in modo permanente. Il trattamento antiscivolo non altera in maniera significativa l'aspetto estetico delle superfici trattate, è privo di acidi (che sviluppano fumi o vapori) e agisce sulle particelle di quarzo.
Con la tecnologia si possono creare, al posto delle porosità originali, tanti nuovi micropori perfettamente uguali l'uno all'altro. 

Le pareti dei nuovi pozzi creati, vengono ricoperte di una resina trasparente in modo da renderle semplici da pulire.
Al termine del lavoro viene rilasciata al cliente la dichiarazione del coefficiente d'attrito ottenuto come richiesto dal D.M. n°236 del Ministero dei Lavori Pubblici del 14 giugno 1989. Le superfici trattate sono permanentemente protette e immediatamente calpestabili. I tempi di esecuzione necessari al trattamento antisdrucciolo, sono estremamente ridotti, riducendo a poche ore l'inaccessibilità dei luoghi e senza la produzione di fastidiose polveri e detriti da rimuovere. Il prodotto è inoltre privo di acidi che sviluppano fumi e di solventi.



E' Ideale per tutte le pavimentazioni sdrucciolevoli:

  • negli impianti sportivi; 
  • nelle saune, terme e centri fitness, nelle piscine;
  • nelle officine;
  • nei capannoni industriali;
  • negli alberghi, ristoranti, cucine e mense; 
  • nei grandi magazzini;
  • nelle scale in sostituzione delle strisce antiscivolo, nelle vasche da bagno e nella doccia anche a casa vostra.
  •  
 


Come si presenta il poro di una piastrella trattata con il metodo BONASYSTEMS

  • Porosità di una piastrella nuova:
    L'altezza massima del poro è di circa 15 micron
    L'altezza media del poro è di circa 8 micron

  • Porosità di una piastrella trattata con antiscivolo con prodotti tradizionali:
    L'altezza massima del poro è di circa 37,4 micron
    L'altezza media del poro è di circa 28,9 micron

  • Porosità di una piastrella trattata con antiscivolo con la tecnologia Bonasystem:
    L'altezza massima del poro è di circa 10,6 micron
    L'altezza media del poro è di circa 5,8 micron
 


Vetrificazione

La protezione in Fibra di Vetro crea una ricostruzione del poro riducendone la profondità e la larghezza dello stesso. Il vetro non permette allo sporco di aggrapparsi alle pareti. Attraverso questa tecnologia si ottiene un pavimento sempre ben pulito e inattaccabile da agenti chimici.  La vetrificazione permette poi una facile e veloce manutenzione con detergenti neutri. Tale trattamento può essere effettuato anche sulle superfici verticali in modo da creare un rivestimento che garantisce una idrorepellenza eccellente dai liquidi e una notevole resistenza all'usura da abrasione e al calcare. 
Le nano particelle di vetro fanno si che le superfici trattate divengano più durature e meno permeabili allo sporco. Una superficie non rivestita con silicato presenta un angolo di contatto dell'acqua fra 30°-60°. Una superficie rivestita con silicato presenta un angolo di contatto dell'acqua maggiore di 100°.

Test di laboratorio:
Sfregamento testato con alimentazione continua di una soluzione per la pulizia delle mattonelle con una spazzola di nylon a forza standardizzata. Dopo 500, 1000, 2000 e 5000 cicli la prova di sfregamento è stata interrotta e l'angolo di contatto è stato misurato usando il metodi dinamico riportando una lieve perdita dell'angolo quindi compresa tra i 98°-103°


Marmo e pietre naturali

Il marmo si forma attraverso un processo metamorfico di rocce sedimentarie, quali il calcare o la Dolomia, che provoca una completa ricristallizzazione del carbonato di calcio di cui sono in prevalenza composte e danno luogo ad un mosaico di cristalli di calcite o di dolomite (minerale).
Il colore del marmo dipende dalla presenza di impurità minerali esistenti in granuli o in strati all'interno della roccia sedimentaria originaria. Nel corso del processo metamorfico, tali impurità vengono spostate e ricristallizzate a causa della pressione e del calore. I marmi bianchi sono esito della metamorfizzazione di rocce calcaree prive di impurità.

I pavimenti di marmo sottoposti a passaggi frequenti richiedono una costante manutenzione e un periodico trattamento di ripristino. Esistono diverse tecniche di levigatura e lucidatura, che con macchinari e prodotti specifici, riescono a rinnovare l'aspetto del marmo.

Prodotti per il trattamento marmo:
Per il trattamento del marmo si ricorre a processi meccanici usando macchinari microabrasivi, oppure a prodotti chimici composti da agenti acidi che ricreano la superficie originaria del pavimento in marmo appena posato e ancora lucido.

Cristallizzazione:
La cristallizzazione è il trattamento più veloce per lucidare il marmo. Dopo un lavaggio profondo con detergenti deceranti per togliere ogni traccia di cera, viene applicato il prodotto sul pavimento asciutto. In seguito, con l'uso di una monospazzola, il cristallizzante viene steso velocemente sulla superficie in marmo. Una  buona  manutenzione, accompagnata  da  un  buon   programma  periodico, può risolvere definitivamente problematiche legate all'igiene ed all'aspetto  estetico  delle pavimentazioni.


Cemento quarzato

I pavimenti in cemento presentano le seguenti caratteristiche:

  • hanno un elevato grado di porosità;
  • tendenza allo sgretolamento superficiale con conseguente formazione di polvere;
  • facile macchiatura.


Di conseguenza è necessario proteggere i pavimenti in cemento con prodotti specifici per evitare lo spolverio, la penetrazione di macchie e sporco e per facilitare le operazioni di pulizia.  I prodotti utilizzati per trattare nel miglior modo possibile il cemento quarzato, sono protettivi antipolvere sigillanti che, grazie ai suoi polimeri, vanno a saturare i pori della pavimentazione dando anche un notevole effetto estetico.

Parquet

Il legno è un prodotto naturale che garantisce la bassa conducibilità termica, un buon isolamento alle condizioni ambientali esterne e rallenta le brusche variazioni di temperatura. E' un materiale elastico che resiste all'usura e se protetto, assicura una lunga durata nel tempo.

I principali trattamenti possono essere di tre tipologie:

  • Verniciatura (base solvente o base acquosa): la vernice forma una pellicola sulla superficie del legno che la rende impermeabile e non traspirante;
  • Ceratura: la cera crea una pellicola impermeabile che permette una continua traspirazione del legno;
  • Finitura ad olio: il trattamento ad olio va a saturare i pori senza formare alcuna pellicola e permette al legno di traspirare e garantendo una protezione antimacchia. La resistenza dei trattamenti qui descritti è diversa: la cera e l'olio rendono il parquet esteticamente naturale, ma essendo protezioni morbide hanno una durata limitata. La verniciatura a base di resine solventate è la più durevole, ma è di notevole impatto chimico a motivo dei solventi che si liberano nell'ambiente trattato. La verniciatura a base acquosa ha un'ottima resistenza e per di più non ha alcun effetto inquinante.

Moquette

La moquette è un tessuto utilizzato come pavimentazione da una ristretta utenza.Fra queste ci sono abitazioni, esercizi commerciali e hotel che la favoriscono per le caratteristiche estetiche e fonoassorbenti. Il tappeto è una stuoia utilizzata come arredo estetico e calpestabile. Le moquettes e i tappeti possono essere composti da diverse fibre:

  • Animali, come ad esempio la lana e la seta;
  • Vegetali, come cotone, juta, canapa e cocco;
  • Acrilica, come nailon e poliestere.
Sapere di quale fibra è formata la propria moquette e/o tappeto è fondamentale per la scelta del miglior sistema operativo da adottare per la sua pulizia.

Altri fattori da tenere in considerazione sono la trama ed il legante, cioè i supporti sul quale il pelo è ancorato. Il sottofondo può essere costituito da juta, gomma, schiuma o feltro e a seconda del basamento bisogna adeguare il trattamento. Per il mantenimento della moquette e dei tappeti è fondamentale l'utilizzo costante di un aspirapolvere munito di battitappeto che vada ad eliminare lo sporco non ancorato come polvere, terriccio e sporco grossolano in genere. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (1995) sostiene che "le allergie provocate dagli acari della polvere sono al sesto posto tra i maggiori problemi di salute del mondo". Di conseguenza una corretta manutenzione e un giusto lavaggio di moquette e tappeti può diminuire l'incidenza di tali allergie.

Esistono due modi di pulizie e trattamento:

  • Shamponatura: applicazione di una schiuma attiva che ingloba lo sporco e successiva rimozione con apposito aspiratore. (La moquette lavata con questo sistema è immediatamente calpestabile.)
  • Iniezione-estrazione: lavaggio con macchina lavamoquette dotata di lancia per iniezione del detergente e successiva aspirazione dei liquidi esausti.(La moquette lavata con questo sistema non è immediatamente calpestabile, in genere occorre attendere almeno un giorno.)
Queste metodologie vengono effettuate con detergenti sanificanti contenenti un agente antimicrobico per garantire un controllo efficace dei microrganismi fra cui l'acaro.

Rimozione graffiti

I graffiti e murales danneggiano con disegni e scritte facciate di palazzi , monumenti , vagoni di treni, finestrini di autobus e quant'altro. I trattamenti antigraffiti sono diversi a seconda della superficie da trattare e del tipo di vernice da eliminare. 
La rimozione avviene attraverso l'uso combinato di prodotti e macchinari che permettono di eliminare totalmente la vernice da qualsiasi tipo di superficie senza danneggiarla. 
A seconda della superficie da trattare vengono utilizzati: 

  • prodotti specifici solventi per l'eliminazione di graffiti di piccole dimensioni e di facile eliminazione;
  •  attrezzature a getto d'acqua regolabile, per le superfici più delicate (macchinario grimm, trattamento vetrificazione)

Fare una valutazione della superficie da trattare è necessario, dato che un'azione troppo aggressiva potrebbe danneggiare anche lo strato sottostante. Per questo è necessario l'utilizzo di macchinari a getto d'acqua regolabile; la regolazione del getto permette di aggredire esclusivamente la vernice, eliminandola totalmente. Possono essere effettuati trattamenti preventivi antigraffiti, che proteggono la superficie appena pulita.
Questi trattamenti possono essere effettuati su: 

  • facciate di edifici e palazzi istituzionali o privati; 
  • monumenti; 
  • mezzi di trasporto (treni, autobus ecc);
  • ogni superficie liscia o porosa.

Rimozione grassi cotti

L'eliminazione di unto (oli, grassi minerali e vegetali, residui di carbonizzazione derivati dai processi di cottura) può essere un vero problema soprattutto nelle cucine di hotel, ristoranti, mense, residence ecc.

Per eliminare tali residui di sporco stratificato in modo semplice e con poca fatica, occorrono prodotti ad elevata alcalinità i quali contengono sodio idrossido e acidi etero carbossilici. 

Tale trattamento non aggredisce le superfici metalliche; inoltre contengono sanificanti a base di cloro che permettono di ripristinare le condizioni igieniche di cucine e macchine friggitrici.

Aiutami a scegliere il servizio giusto per me

Contattaci ora per studiare insieme la soluzione più adatta per il tuo ambiente.

Contattaci >

L'azienda

Un'azienda giovane, per questo dinamica e attenta a tutte le opportunità. Avvalendosi dei vantaggi derivanti dall'essere "soci lavoratori", offre servizi puntuali, di qualità ed economici.

Multiservice

Le nostre soluzioni vanno oltre la pulizia. Una gestione complessiva degli spazi, mirata alla salute, alla sicurezza e al benessere con una formula multiservice adatta a te chiavi in mano.

Dove siamo

La nostra sede è a San Benedetto del Tronto, vieni a trovarci per conoscerci e parlarci delle tue necessità. saremo lieti di mostrarti la qualità del nostro lavoro.

Contattaci

Mandaci una mail, oppure chiamaci. Siamo sempre disponibili e felici di chiarire ogni tuo dubbio e risolvere ogni tuo problema. Ti aspettiamo.